Kiev: aggiornamenti in tempo reale dalla Fondazione Soleterre

Ph. Ugo Panella – Immagine da archivio Soleterre

Di seguito pubblichiamo le note che Soleterre ci invia per aggiornarci in tempo reale sulla situazione dei piccoli pazienti oncologici in Ucraina.

 

19 marzo
7 voli aerei organizzati, 30 bambini e ragazzi malati di cancro, con le loro mamme e a volte qualche fratellino o sorellina, costantemente seguìti dai membri del nostro staff e personale medico sanitario.

Questa è solo una piccola parte di ciò che siamo riusciti a realizzare grazie al vostro sostegno, ma è una parte fondamentale perché ha portato quei piccoli pazienti qui in Italia.
Il nostro staff e i nostri psicologi in emergenza, sono sempre stati accanto a loro dal confine polacco fino al nostro Paese.
Perché anche se si è trattato di un viaggio verso la salvezza, i bambini sono molto stanchi e provati.
Ora ad occuparsi di loro ci sono le nostre psicologhe e le mediatrici culturali e ci permette di entrare ancora meglio in contatto con loro.
Oltre al sostegno sulle questioni pratiche e logistiche siamo con loro ogni giorno supportandoli emotivamente: c’è il trauma della malattia, quello della guerra, ma anche quello interculturale a cui far fronte.
Ma noi ci siamo, e voi insieme a noi.

 

17 marzo
Dallo scoppio della guerra in Ucraina abbiamo lavorato incessantemente per garantire continuità alle cure oncologiche dei nostri piccoli pazienti.
Il nostro staff ha trasferito i pazienti di Kiev a Leopoli e da qui alcuni di loro hanno già varcato il confine con la Polonia per essere accolti negli ospedali in Italia.
Stiamo garantendo supporto psicologico, mediazione linguistica, cure mediche e accoglienza.
Stiamo rifornendo di farmaci i reparti pediatrici rimasti funzionanti e sovraccarichi di pazienti, ma il nostro obiettivo è riuscire a far evacuare tutti i giovani pazienti che non possono rischiare di rimanere senza cure nemmeno per un solo giorno.
I bambini malati di cancro che si trovano ancora in Ucraina vivono una situazione pluritraumatica.

 

14 marzo
Sono atterrati a Milano Linate altri 6 giovani pazienti, con le loro mamme e una sorellina.

Le parole del nostro presidente Damiano Rizzi: “La condizione psicologica e fisica di mamme e bambini, dopo ore estenuanti di viaggio, e con la necessità di cure costanti, è al limite della sopportazione umana: Stiamo lottando contro il tempo e non è possibile sprecare nemmeno un minuto, non ci fermeremo finché tutti i nostri piccoli pazienti saranno portati in luoghi adatti per proseguire le cure oncologiche. Per questo continueremo il nostro impegno con la Centrale Regionale Operativa Soccorso Sanitario e Areu, un’operazione di coordinamento sanitario di eccellenza che dimostra come la professionalità, la tempestività e l’umanità siano coniugabili creando azioni concrete che salvano vite umane”

Alcuni bambini provengono direttamente dall’ospedale pediatrico di Leopoli, altri erano arrivati lí nei giorni precedenti dagli ospedali di Kiev. Hanno viaggiato in treno e in bus fino in Polonia e dopo essere stati visitati si sono imbarcati a Rzeszów su un volo messo a disposizione da Areu in collaborazione con la Protezione Civile e Regione Lombardia.
Salgono così a 24 i giovani pazienti ora in Italia, ma come afferma Damiano Rizzi, il nostro impegno non si ferma.

 

13 marzo
“Una piena riprovazione e condanna agli attacchi armati contro i civili che da questa mattina riguardano anche l’area vicina alla città di Leopoli dove Soleterre e Fondazione Irccs Policlinico San Matteo Pavia hanno una collaborazione storica con il Western Ukrainian Specialized Children’s Medical Center nell’ambito della cura dei tumori infantili leucemici mediante la creazione di un centro di trapianto di midollo, finanziata dalla Fondazione Rosa Prístina.

Dall’alba, con il board dell’ospedale e le autorità locali cerchiamo di comprendere gli eventuali piani di evacuazione.
Al momento un primo nucleo di bambini verrà trasferito in Polonia e poi in Italia vista la modalità di guerra ibrida in atto, senza più alcuna distinzione negli attacchi a militari o a civili ucraini.
Non ci sarebbero già da ora le condizioni per restare in ospedale.
Nello stesso tempo evacuare l’ultimo importante ospedale rimasto comporta scelte molto complesse e non immediate”.
Damiano Rizzi, Presidente di Soleterre

 

10 marzo
L’attacco all’ospedale pediatrico di Mariupol è un crimine contro l’umanità. Probabilmente anche questa parola non è sufficiente per contenere l’orrore che stiamo provando. Visto da una pediatria assume connotazioni ancora, se possibile, più feroci. Con Soleterre Onlus possiamo solo dare risposte concrete sul versante opposto di cura e tutela della vita, a partire dall’infanzia. Mentre scrivo 3 tonnellate di farmaci chemioterapici, antibiotici, antidolorifici e materiale medicale sono entrati in Ucraina grazie alle donazioni di molte persone che vogliono vedere proseguire la vita. I farmaci sono a Leopoli (ospedale in cui stiamo curando 90 bambini oncologici) e a Ternopil (ospedale di appoggio nei trasferimenti da Est a Ovest dei bambini) dove ci stiamo preparando per un trasporto speciale di farmaci verso Kiev dove gli ospedali pediatrici stanno ancora curando bambini oncologici (circa 100 nei diversi ospedali dell’Est Ucraina) che gradualmente trasferiremo negli ospedali a Ovest. Continuano, infatti, i trasferimenti dei pazienti oncologici dall’Ucraina ad altri Paesi – tra cui l’Italia. In atto il più grande trasferimento di pazienti pediatrici oncologici mai accaduto nella storia.

Damiano Rizzi, Presidente di Soleterre

 

Milano, 8 marzo
A distanza di quattro giorni dai primi due voli, oggi alle 14 sono atterrati a Milano Linate altri 5 bambini e ragazzi tra i 3 e i 15 anni accompagnati dalle rispettive mamme e da alcuni fratelli.
Fino a una settimana fa si trovavano nei sotterranei della nostra Casa d’Accoglienza e dell’Istutito del cancro, entrambi a Kiev: giorni interminabili di spostamenti tra i reparti e i bunker.
Hanno percorso oltre 2.000 chilometri e affrontato lunghe ore di viaggio, costantemente assistiti da personale medico sanitario per garantire loro cure salvavita. Da Kiev in treno fino a Leopoli sempre accompagnati dal nostro staff ucraino, poi in bus fino in Polonia a Rzeswóv dove hanno trovato ad accoglierli il nostro staff tra cui due psicologi. Oggi sono partiti in aereo per raggiungere l’Italia insieme al personale medico sanitario specializzato, una nostra psicologa ucraina che è sempre stata al loro fianco, il nostro presidente Damiano Rizzi e Licia Ronzulli, presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza.
Ad accoglierli a Milano Linate era presente il personale sanitario proveniente dai due ospedali che prenderanno in cura i bambini: l’Istituto dei Tumori di Milano, gli Ospedali Civili di Brescia, l’assessore alla protezione civile della Regione Lombardia, Pietro Foroni, e il Direttore generale di Areu, Alberto Zoli.
Ringraziamo tutte le persone che hanno reso possibile questo viaggio e che si stanno adoperando tutt’ora per garantire ai giovani pazienti e alle loro famiglie la miglior accoglienza possibile e le migliori cure.

 

8 marzo
Il viaggio verso l’Italia sta diventando realtà per altri bambini e adolescenti malati di cancro che abbiamo evacuato da Kiev.
Ieri dopo aver viaggiato in autobus verso la Polonia con le loro famiglie e il nostro staff, insieme a Iana la nostra collega ucraina, sono stati accolti dai nostri psicologi, tra cui Ivan Giacomel, che si è recato a Rzeszow (al confine tra Polonia e Ucraina) per dar loro tutto il supporto psicologico possibile.
Siamo pronti ad accoglierli oggi in Italia: in giornata infatti i bimbi e i ragazzi prenderanno un volo diretto verso Milano per poi essere trasferiti in alcuni ospedali lombardi per continuare le cure.
Grazie a tutti voi che state rendendo questo possibile.

 

7 marzo
Le cure per i bambini e i ragazzi arrivati al San Matteo di Pavia e all’Istituto dei Tumori a Milano stanno proseguendo, sono tutti accompagnati dalle loro mamme e per alcuni c’è anche la compagnia di una sorellina o della nonna, al momento ospitate in strutture di accoglienza sul territorio.
La situazione in Ucraina è drammatica e spesso le famiglie si disperdono nella confusione della fuga dai bombardamenti.
Questi bambini e ragazzi stanno vivendo una situazione pluri traumatica, ogni giorno devono affrontare cure e terapie molto dolorose, non sono solo lontani dalle loro case e dagli affetti ma, come vi avevamo già accennato, anche se ora sono al sicuro la preoccupazione per la guerra nel proprio Paese è comunque molto alta, così come la paura di non riuscire a rintracciare o rivedere i propri familiari e amici.
Il ricordo dei bombardamenti è ancora vivido.
Le nostre psicologhe sono quotidianamente al fianco dei giovani pazienti e dei loro genitori per garantire tutto il supporto emotivo necessario; abbiamo anche fornito alle famiglie tablet e sim nella speranza che possano riuscire a rintracciare le persone a loro care e alleviare almeno un po’ le loro preoccupazioni.
Ringraziamo di cuore tutto lo staff delle strutture che hanno accolto i parenti dei pazienti ricoverati: AGAL Onlus e Salute Donna Onlus.

 

6 marzo
È arrivato all’Ospedale Pediatrico di Leopoli il primo carico di farmaci: analgesici, antidolorifici, antibiotici e chemioterapici salva vita.
Questa spedizione è fondamentale per l’Ospedale, perché al momento registra un numero 3 volte più alto del solito di pazienti a causa dei flussi di persone in fuga dalle città più a est dell’Ucraina. Entro una settimana l’Ospedale sarebbe rimasto a corto di farmaci, come ci aveva segnalato il Dr. Roman Kizyma, primario del reparto di oncologia pediatrica.
In Ucraina ormai è difficile reperire farmaci e al confine la situazione è caotica.
Ma non ci fermeremo perché proseguire le cure è fondamentale per questi bambini e ragazzi: il secondo carico di farmaci è già in viaggio e il terzo è partito proprio ieri.
Ringraziamo il Dr. Roberto Brambilla, volontario di Soleterre che ha coordinato le operazioni per la raccolta farmaci, stoccaggio e invio dall’Italia, la protezione civile di Vimercate, AREU di Regione Lombardia e il Lions Club di Varsavia per il grandissimo supporto e disponibilità.

 

Pavia, 4 marzo
Stamattina le nostre psicologhe Francesca e Titiana (quest’ultima parla ucraino) hanno incontrato le mamme e i bambini arrivati ieri dalla Polonia e ricoverati ora al San Matteo di Pavia.
I piccoli e le loro mamme sono ovviamente molto stanchi per il viaggio oltre che per le cure contro il cancro (alcuni dei piccoli hanno subìto operazioni chirurgiche poco meno di due settimane fa…). Ma la loro non è solo fatica fisica, è anche mentale. La preoccupazione e il senso di colpa per aver lasciato in Ucraina il resto della loro famiglia sono forti. Molti di loro non sanno dove si trovano gli altri parenti, né riescono a mettersi in contatto con loro. Addirittura una delle mamme non riesce a rintracciare il proprio figlio di 15 anni.
La riconoscenza però per essere arrivati qui è pari a questa sofferenza e anche essere ascoltati è per loro importante. Da oggi e per i prossimi giorni, il supporto psicologico sarà fondamentale per loro per elaborare tutte queste emozioni e paure, e saremo al loro fianco in ogni momento.
È stata una mattina davvero emozionante anche per i nostri psicologi, anche stavolta posti di fronte al fatto che le cose importanti della vita sono spesso quelle a cui meno pensiamo e di cui ci rendiamo conto solo in momenti difficili.

 

Milano, 3 marzo
Poco prima delle 14, grazie a un volo coordinato da Areu Lombardia, sono arrivati a Linate i primi 6 bambini malati oncologici che eravamo riusciti a trasferire in Polonia dall’Ucraina.
Saranno presi in cura dal San Matteo di Pavia e dall’Istituto dei Tumori di Milano.
Ad accogliere i bimbi e le loro famiglie c’erano il Presidente di Soleterre Damiano Rizzi e il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.

Abbiamo seguito questi bambini dal bunker a Kiev, all’autobus verso la Polonia e ora sono qui in Italia.
Siamo davvero felici e vi ringraziamo con tutto il cuore per il sostegno che stiamo ricevendo in questi giorni terribili.

 

Milano, 2 marzo 
Tutti i pazienti pediatrici oncologici sono stati da noi portati nella notte fuori Kiev.
Hanno viaggiato con il personale medico e stiamo lavorando per portarli fuori dall’Ucraina, al sicuro in ospedali europei.
Il messaggio del referente nazionale ucraino per l’oncologia pediatrica, dott. Grigory Klymniuk, è illuminante: “Grazie per l’eccellente operazione di evacuazione dei nostri bambini. Il supporto, tutto il supporto, che ci state facendo sentire è la condizione che renderà impossibili nel futuro le guerre”.
Nel nostro ospedale di Leopoli intanto stiamo valutando le condizioni di salute di tutti i bambini arrivati per capire se possano essere trasportati in Polonia, oltre il confine, o se debbano essere prima stabilizzati per un po’ più di tempo.
Oggi poi arriverà anche un importante carico di medicinali dall’Italia.
Grazie a tutti voi per il supporto e l’aiuto.

Damiano Rizzi, Presidente di Soleterre

 

Milano, 1 marzo
La situazione sta degenerando, i carri armati russi cominciano ad accerchiare la città, non c’è più tempo: abbiamo evacuato di urgenza 18 bambini oncomalati gravi con le loro famiglie dai due ospedali di Kiev – rispettivamente dall’istituto del cancro e dall’istituto di neurochirurgia di Kiev- e dalla nostra struttura di accoglienza, la Dacha. L’obiettivo è farli arrivare in sicurezza in Polonia, via Leopoli, dove stiamo continuando a garantire le cure a 36 piccoli pazienti.

Condividi
News

Fuga ad Alcatraz: il reportage di Silvia Truzzi

La “prigione da cui nessuno vuole scappare”, oggi casa di 26 rifugiati ucraini, donne e bambini arrivati in Italia grazie alla collaborazione tra la Fondazione del Fatto e la Fondazione Dario Fo e Franca Rame.

Continua
News

Alcatraz per l’Ucraina: un mese dopo, l’arrivo di Stefi

A un mese dall’arrivo ad Alcatraz del gruppo di donne e bambini in fuga dalla guerra, siamo tornati al confine ucraino tra Ungheria e Romania per recuperare Stefi, alaskan di Liza e della piccola Zlata.

Continua
News

Alcatraz per l’Ucraina: aggiornamento del 27 marzo 2022

Sono passati 17 giorni da quando è arrivato il primo gruppo di 22 donne e bambini dall’Ucraina. Nessuno è pronto per parlare “del domani”, ne allontanano il pensiero, cercando di tenere impegnate le mani.

Continua