Emergenza Ucraina: creiamo una rete di supporto per donne e bambini in fuga

Checkpoint di Uzhhorod, al confine Ucraina-Slovacchia. — Foto by Ukrinform

La Fondazione Dario Fo e Franca Rame è nata nel 2019 con l’obiettivo di mantenere la memoria delle iniziative e delle attività di Dario Fo e Franca Rame, diffondendo il loro esempio umano e creando un centro operativo in cui raccogliere, promuovere e divulgare progetti coerenti con i loro valori. L’attività svolta dalla fondazione persegue, quindi, finalità esclusivamente rappresentate dalla solidarietà sociale, culturale e ambientale.

Per dare una risposta concreta all’emergenza umanitaria in Ucraina, la Fondazione Fo Rame e la Fondazione Il Fatto Quotidiano hanno messo in piedi un’operazione di accoglienza e una raccolta fondi che consentirà di assicurare in primis alle famiglie accolte la permanenza nella struttura, prodotti alimentari e generi di prima necessità ma soprattutto realizzare un percorso di autonomia.

“Siamo entrati in contatto con Piero Verona, titolare di un’agenzia di viaggi di Pietrasanta dotata di bus turistici, e grazie alla sua  disponibilità, generosità e spirito d’iniziativa è stato possibile organizzare lo spostamento e la messa al sicuro di un gruppo di famiglie fuggite dall’Ucraina e rifugiate in un campo profughi in Romania”.

Cinzia Monteverdi, Presidente della Fondazione il Fatto Quotidiano

Un’iniziativa pensata insieme alla Fondazione Fo Rame, che ha messo a disposizione le strutture ricettive della Libera Università di Alcatraz, in provincia di Perugia, per accogliere queste persone in fuga, e che la Fondazione il Fatto Quotidiano aiuterà per il sostentamento.

“Da quando è iniziata la Guerra in Ucraina ci siamo chiesti come poter aiutare le persone che stanno scappando da quei territori. La nostra famiglia è proprietaria della Libera Università di Alcatraz, centro culturale e turistico tra Gubbio e Perugia. Con l’arrivo della pandemia abbiamo sospeso le attività in presenza e, mentre l’attacco russo all’Ucraina si faceva sempre più duro, abbiamo iniziato a ragionare sul fatto che avremmo potuto accogliere un piccolo gruppo di profughi negli spazi di Alcatraz attualmente inutilizzati”.

Mattea Fo, Presidente della Fondazione Fo Rame

“Obiettivo importante per le nostre Fondazioni è consentire a queste persone di poter immaginare e realizzare una rinascita che possa restituire loro una prospettiva di vita dignitosa. Per questo costruiremo un modello di comunità nella splendida ambientazione offerta dalla Fondazione Fo Rame che punti ad un’autonomia economica. Partendo dalla terra e recuperando le potenzialità delle persone che oggi hanno perso tutto per colpa della guerra”.

Cinzia Monteverdi, Presidente della Fondazione il Fatto Quotidiano

EMERGENZA UCRAINA

Raccolta fondi per beni di prima necessità per i profughi ucraini

La Fondazione Il Fatto Quotidiano intende supportare la Fondazione Dario Fo e Franca Rame con una raccolta fondi per assicurare a un gruppo di 30 profughi ucraini accolti nella struttura della Libera Università di Alcatraz (Gubbio) prodotti alimentari e generi di prima necessità e per fare fronte a tutte le urgenze che si presenteranno.

VAI ALL'INIZIATIVA
L’arrivo dei rifugiati ucraini nella Libera Università di Alcatraz – Un estratto dal servizio di Alberto Sofia per ilfattoquotidiano.it

Condividi
Progetti

Kiev, struttura evacuata d’urgenza: non fermiamo le cure per i bambini con il cancro

In Ucraina, la situazione degli ospedali e delle strutture essenziali è al collasso e la popolazione è stremata. Continuare a garantire cure mediche e accoglienza ai piccolipazienti oncologici e alle loro famiglie è una priorità assoluta.

Continua
Progetti

Non c’è tempo da perdere: aiutiamo chi rischia di morire di freddo e di stenti

Corridoio naturale tra Italia e Francia, da anni la Val di Susa è battuta dal transito di migliaia di migranti che tentano di valicare le Alpi in cerca di un futuro migliore. Morfologia del territorio e temperature rigidissime rendono il viaggio in alcuni casi fatale.

Continua
Progetti

Aiutiamo chi deve mettersi in fila per mangiare, insieme a Pane Quotidiano

Un’idea semplice ma rivoluzionaria: assicurare cibo, ogni giorno, gratuitamente, alle fasce più povere della popolazione e a chiunque versi in stato di bisogno e vulnerabilità, senza alcun tipo di distinzione. Non un atto di carità, ma di responsabilità.

Continua